. Taranto, Chiese e cripte

Poco fuori l abitato la Masseria Giustizia incorpora i resti dell abbazia di Santa Maria della Giustizia. Quest ultima fu ricostruita nel XVI secolo sopra un santuario rupestre e la facciata è impreziosita da un portale ogivale sormontato da un baldacchino. Nelle vicinanze esistono anche altre interessanti cripte, qualcuna delle quali quella di San Onofrio ha affreschi d età bizantina ben conservati. Un altra bella cripta sorge nei pressi del Casino Viola. E quella del Redentore del secolo XII, anch essa con notevoli affreschi.

Martina Franca, Collegiata di San Martino

Di particolare interesse è la Collegiata di San Martino (1747-75), con una fastosa facciata barocca ed un portale sul quale, in altorilievi, sono rappresentati San Martino e il povero. Nell interno, sono conservati ricchi altari di marmi policromi, un pergamo intagliato da Domenico Semeraro ed una preziosa tela del Carella (1804) rappresentante l Ultima Cena .

Martina Franca, Palazzo Ducale

Nella triangolare piazza Roma, abbellita da giardini e dalla fontana dei delfini, sorge il maestoso Palazzo Ducale costruito da Petracone V Caracciolo nel 1669, sul luogo dell antico castello eretto nel 1338 da Raimondello Orsini. Nel Palazzo ora ci sono il Municipio e la Biblioteca Comunale Isidoro Chirulli modernamente attrezzata. Nelle grandiose sale interne, del Palazzo Ducale, prime fra tutte la sala dell Arcadia si possono ammirare fantasiose pitture di Domenico Carella.

Martina Franca, Chiese

La chiesa di San Domenico (1760), anche questa con una grandiosa e ricca facciata barocca, custodisce nel suo interno una pregevole tela, la Madonna del Rosario opera di Domenico Carella (1776). Di un cero interesse sono anche: Sant Antonio, con strutture gotiche del XV secolo e sovrastrutture barocche, San Vito dei Greci del XV secolo, con facciata a bugnato, la Chiesa del Carmine (1739), con cupola e San Francesco d Assisi del 1685. Fuori dal paese, sulla via per Locorotondo, la chiesa dei Cappuccini (1590-1690) custodisce nell interno pregevoli intarsi e intagli, forse del Semeraro.

Martina Franca, Palazzi e Ville

Interessanti e degni di rilievo i palazzi barocchi (Fanelli, Blasi, Motulese) con caratteristiche soggette adorne di artistici ferri battuti. In direzione sud, tra ville pittoresche e bassi vigneti, le cui ricchezze architettoniche e l intenso verde delle foglie creano un potente contrasto con la rossa terra, si raggiunge l orlo meridionale delle Murge e il bivio di Orimini (m. 443). Nelle vicinanze sorgono la Madonna del Pozzo e il Centro Climatico San Paolo.

Grottaglie, Chiesa Matrice

Risale alla fine dei secoli XI e XII. Nella facciata, ricostruita da Domenico da Martina nel 1739, si conserva un bel portale di forma romanico-pugliese. Nell interno, la fastosa, barocca cappella del Rosario (1709) conserva gli altari di S. Ciro e S. Francesco De Geronimo, patroni di Grottaglie.

Grottaglie, Chiese

Molto interessanti appaiono il Santuario di San Francesco De Geronimo (1830) e la Chiesa del Carmine, nella quale è custodito un Presepio di Stefano da Putignano. Nella gravina Foranee, in una grotta, si può vedere un Calvario del XVIII secolo, scolpito nel tufo; la gravina di Casalpiccolo o dei Pensieri conserva una chiesa-grotta con affreschi e iscrizione greca del 1392.

Manduria, Duomo